The no-cry sleep solution

Tra tutti i libri sul sonno dei neonati e bambini che ho letto ( e non sono proprio pochi) questo è quello che mi è piaciuto di più  e che ho trovato più in sintonia con il mio modo di esser mamma.

Al tempo (fino ai 14 mesi circa) Orlando ancora si svegliava di notte dalle 2 alle 4 volte e io lo allattavo per riaddormentarlo (e così dormire un po’ di più anch’io!) ed ero molto stanca di questa situazione.

Per fortuna al mattino non dovevo andare a lavorare (e qui ringrazio sempre wonderMike che provvede per la nostra famiglia) ma comunque 14 mesi di sonno interrotto non sono facili per nessuno penso..

Così dopo aver messo da parte (onestamente alquanto inorridita) il famosissimo Estivill (prestatomi da un’amica) mi sono messa alla ricerca di qualche altro consiglio più consono alla mia mammità e ho trovato questo libro.

L’autrice, dopo aver analizzato i pro e i contro dei vari altri “metodi” promuove un approccio estremamente dolce e graduale al problema sonno (risvegli notturni, addormentamento ma non solo).

Il percorso da lei suggerito, coadiuvato di schede e verifiche varie, non è rapido nè indolore (per la mamma, cioè prevede MOLTA  pazienza e dedizione) ma è sicuramente il più rispettoso del neonato o  bambino piccolo inserendosi perfettamente in quel modello di genitorialità che chiamano attachment parenting.

Devo dire onestamente che non ho nemmeno fatto in tempo a mettere in pratica assiduamente il metodo suggerito dalla Pantley perchè Orlando ha cominciato a svegliarsi meno e quindi io mi sentivo sempre meglio.

Probabilmente lui era semplicemente PRONTO a dormire meglio e questo è quanto. Ora dorme splendidamente le sue 10-11 ore e si sveglia pimpante e allegro…

Quando si sveglia, io lo guardo con un occhio ancora mezzo chiuso … penso tra me e me a tutti i risvegli, a tutte le poppate a tutti i pianti di stanchezza che io mi sono fatta in passato e comunque sorrido perchè in fondo so che invece LUI non ha mai avuto bisogno di piangere !

Morale: penso proprio che i bambini cominciano a dormire bene quando sono fisiologicamente pronti per farlo (e se piangono lo fanno sempre per qualche motivo valido!).

Leggere  un valido testo con buoni e sensati consigli è comunque sempre un aiuto importante per mamme che si sentono perse e stanche. Questo io lo consiglio di cuore!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *