Dinner party

P1090896.JPG

P1090896.JPG

Grazie per la splendida serata Micol, Filippo e Pietro! Siete degli ospiti incredibili, il cibo era delizioso e splendidamente presentato. Hai voglia a dire che non era niente di speciale … era meglio che al ristorante! E la compagnia poi così piacevole e rilassante, siamo stati davvero a nostro agio. Mi spiace il mio dolce non fosse all’altezza (davvero!), la prossima volta altro che Gordon Ramsey … userò le ricette della mia mamma che son molto meglio 🙂

Grazie amici! Buon weekend

A dream come true

P1090810.JPG

Dopo anni di emails, messaggi, scambi di doni, post e tanti pensieri d’affetto reciproco eccoci qui…

P1090810.JPG

GRAZIE PER
il tuo sorriso
la tua spontaneità
la tua sincerità
il tuo calore
la tua risata cristallina
la tua versatilità
la tua umiltà
la tua pazienza
la tua timidezza
il tuo idealismo
la tua purezza
il tuo accento
il tuo essere vera
la tua generosità
la tua tenacia
… e per la tua bellezza, dentro, fuori e tutt’attorno a te!
Ti voglio bene,
Silvia

P.s. – Sembro un po’ allucinata nella foto…sarà l’effetto delle seimilacinquecento stoffe e altre meraviglie che ci hanno ubriacato gli occhi o è l’effetto F.?

 

Happy grandparents day

P1090433.JPG
P1090434.JPG
P1090435.JPG
P1090436.JPG

 

P1090436.JPG

Dear grannie and grandad, look what I made at school for you …

P1090435.JPG

… here’a picture of you (on the right) and grandad (on the left) with me …

P1090434.JPG

… and a nice poem to go with it …

P1090433.JPG

… so here we go “happy grandparents day” grannie and grandad, I love you very much and I am looking forward seeing you again soon!!! Why not coming to see me sometime in autumn maybe for a comined mummy’s and Sebi’s birthday party? Go and check the flights!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lavori in corso

P1090325.JPG
P1090326.JPG

 

P1090325.JPG

Erano ormai mesi che ci stavamo pensando e ieri sono finalmente cominciati i lavori di costruzione del nuovo letto di Orli dove dormirà da solo, finalmente libero in un suo spazio che speriamo diventerà il suo nido, la sua tana, il suo rifugio. Sotto il letto, che è sopraelevato, ci sarà modo di costruire, giocare, utilizzare lo spazio come un mini magazzino di giochi (magari liberando un po’ il nostro salotto…). La speranza è che lui riesca a vivere un po’ di più la sua camera come un luogo dove non si va soltanto a dormire ma si può anche creare il proprio ambiente dando un’impronta personale a quella che è la sua camera, almeno finchè non la dovrà dividere con Sebi.

P1090326.JPG