Giveaway di fine inverno di Artherapy

Dire che ci speravo è poco … ogni volta che Valentina di Artherapy posta una delle sue favolose mise (ma si scrive così?) complete di accessori e bijoux fatti da lei rimango a bocca aperta e, diciamolo pure, invidiosissima!

E non nego di avere lanciato l’amo ogni tanto, implorando un giveaway … ed eccomi accontentata! Quindi “siore e siori” come dice lei (che mi fa morir dal ridere) ecco il nuovo GIVEAWAY di FINE INVERNO di ARTHERAPY.

Due splendide e originalissime collane confezionate con fili di lana e tempestate di perline, una più bella dell’altra!!!

Che dire di più … grazie alla generosità di Valentina, ancor di più in questo periodo in cui lei è presa da mille cose, sei grande!

Shades of winter

P1050351.JPG
P1050352.JPG
P1050353.JPG

The land is still barren but beautiful in its motionless. La terra è ancora brulla ma bellissima nella sua immobilità.

P1050351.JPG

Today is another cold day that pushed back spring in our dreams. Oggi è un altro giorno freddo che ha ricacciato indietro la primavera nei nostri sogni.

P1050352.JPG

But how not to treasure these last days of winter that bring inside the promise of a new season to come… Ma come non contemplare questi ultimi giorni d’inverno che portano dentro la promessa di una nuova stagione che arriverà…

P1050353.JPG

 

Ricettine e ricordi di svezzamento

Un librino, regalo dei carissimi amici Steph e Nigel, che mi è stato enormemente utile per trovare una linea coerente e sana nell’alimentazione di Orli con tante idee di ricette estremamente  facili ma gustose. Tuttora ogni tanto lo usiamo per trovare qualcosa di un po’ diverso e stuzzicante da fare.

Mentre per quanto riguarda la teoria dell’approccio del bambino all’alimentazione solida questo libro è stato decisivo, soprattutto per togliere tante ansie relative al quando, al come e al perchè dello svezzamento. Seguendo un’impostazione il più possibile naturale, serena e rispettosa dei tempi e delle inclinazioni di ogni bambino guida la mamma lungo un percorso improntato innanzitutto alla serenità, alla fiducia in sè stessa e nella propria capacità di cogliere il momento e il modo migliore per avvicinare il suo piccolo al cibo dei grandi. .

Julie & Julia

Questo è l’ultimo libro che ho letto e, nonostante una buona dose di linguaggio non proprio raffinatissimo, mi è piaciuto un sacco! Lei, Julie, è davvero divertente e la sua storia (la nascita di un blog diario di una sfida culinaria durata un anno contro un libro di cucina francese del mostro sacro Julia Child) è una vera fonte di ispirazione per chiunque sia alla ricerca di un progetto personale che dià nuova grinta e uno stimolo in più nella vita.

Borsa H&M fatta!

P1050169.JPG
P1050177.JPG
P1050206.JPG
P1050207.JPG
P1050208.JPG
P1050209.JPG
P1050210.JPG
P1050211.JPG
P1050214.JPG
P1050215.JPG
P1050217.JPG
P1050218.JPG
P1050234.JPG
P1050235.JPG
P1050236.JPG
P1050237.JPG

Un altro dei miei future crafty projects finito, evviva! Quando riesco a portare a termine qualcosa mi sento così felice, manco avessi fatto chissà che cosa di importante per il bene dell’umanità…

P1050169.JPG

Comunque secoli fa avevo visto una borsona da H&M la cui forma mi piaceva e l’ho fotografata e memorizzata perchè mi sarebbe piaciuto farla magari con una stoffa diversa.

P1050234.JPG

L’opportunità mi si è presentata quando, facendo un po’ di ripulisti delle cose vecchiotte, ho deciso di liberarmi di una borsa che non mettevo MAI perchè troppo piccola e da quando sono mamma le mie borse sono decisamente lievitate di misura e capienza!

P1050235.JPG

I manici, le cinghie e altri pezzi di questa borsetta vecchia però erano ancora integri e soprattutto stavano benissimo col colore di un ritaglio di stoffa da tapezzeria che ho comprato qualche mese fa per due lire …

P1050236.JPG

… quindi ho combinato un po’ di materiali riciclati ed è venuta fuori questa borsa. Evviva il riciclo!

P1050237.JPG

 

Tanti auguri Pietro

P1050300.JPG
P1050325.JPG
P1050331.JPG
P1050344.JPG
P1050346.JPG

Bellissima la festa di Pietro per il suo terzo compleanno in una ludoteca molto carina. 

P1050346.JPG

C’era una casetta gigante (Orli ha passato mezz’ora ad arrampicarsi sul tetto per la gioia dei miei bicipiti) piena di cibo per giocare, pentoline e suppellettili. 

P1050300.JPG

 Un angolo con un banchetto degli attrezzi ed un sacco di costruzioni. E poi anche la zona creativa con sedie, tavoli e mille colori.

P1050325.JPG

C’era una torta grandissima con un trenino di macchinine di zucchero e fuochi d’artificio. Pietro era estasiato di avere tutti i suoi amichetti attorno con la mamma e il papà, era delizioso!

P1050331.JPG

Tanti auguri ancora Pietro e mi raccomando di fare il bravo con mamma quando nascerà la sorellina tra poco, la mamma avrà bisogno anche del tuo aiuto 🙂

P1050344.JPG

 

 

1 cena 2 torte tanti amici

P1050225.JPG
P1050226.JPG
P1050227.JPG
P1050228.JPG
P1050229.JPG
P1050230.JPG
P1050233.JPG

Lo scorso sabato Pilar, intorno ad un menù di pasta di fagioli e spezzatino di soia con carciofi e patate, ha messo insieme un gruppetto di persone che non vedeva da un po’ di tempo.

P1050229.JPG

Ero un po’ giù e avevo bisogno di sfogarmi facendo dolci (eh io son così…) quindi, mi sono azzardata a portare io il, anzi i dessert e usufruendo del babysitting di wondermike, ho voluto provare un paio di ricette, sempre superfacili (a prova mia cioè).

P1050228.JPG

La prima era una torta ‘super sana’ (come il menù del resto, in onore delle super sane Marta e Chiara) di mele, carote e uvetta speziata alla cannella…

P1050225.JPG

… l’altra una bomba goduriosa al cioccolato praticamente puro (e con quel nome “heartache chocolate cake” non poteva essere che per me).

P1050226.JPG

Facilissime entrambe son venute buone entrambe … la compagnia però ha ringraziato soprattutto mia suocera per avermi regalato il libro con la bomba cioccolatosa, quindi un doveroso grazie a Elizabeth! I know you are proud of my baking skills (deep down :-).

P1050227.JPG

E tra un bicchiere e una chiacchera è passata un’altra magnifica serata in compagnia di persone speciali, i cuccioli erano stanchi e siamo andati tutti a nanna, rimpinzati e felici!

P1050233.JPG

 

 

Immagina …

Questo è un giochino un po’ psicologico molto interessante che ho trovato in un post di Enchanted Mama di qualche giorno fa. Il giorno dopo seguiva la soluzione ma io metterò tutto di seguito. Non sarà nulla di che ma mi ha fatto pensare…

 

SCRIVERE LA PRIMA COSA CHE VIENE IN MENTE SENZA PENSARCI TROPPO!

Immagina di essere fuori a camminare e arrivi ad una casa. Descrivi la casa.

Dentro la casa c’è un tavolo. Ci sono tre oggetti sul caminetto, quali sono?

In un’altra stanza trovi una tazza. Descrivi la tazza. Che cosa fai con la tazza?

…Fuori c’è un orso. Che cosa fai con/dell’orso?

——————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————–

La casa rappresenta te.

I tre oggetti rappresentano quello che fai meglio.

La tazza significa il tuo amore.

Ciò che fai con la tazza è quello che fai del tuo amore o come lo dimostri.

L’orso rappresenta un problema e cosa fai con i problemi.

 

Sarà anche una cavolata ma guarda caso uno dei miei tre oggetti era una forbice arrugginita (alquanto illuminante per una sarta ormai dimenticata come me!) e la mia tazza aveva del latte freddo che io scaldavo e bevevo (mah mi sa tanto che si collega con tutto il latte che ho dato, di mio prima, e che sto tuttora dando ad Orli dopo averlo scaldato nel biberon?…).

E voi? Qualche connessione interessante?

Tutorial di borsina romantica per la primavera

P1050250.JPG
P1050253.JPG
P1050254.JPG
P1050256.JPG
P1050258.JPG
P1050275.JPG
P1050276.JPG
P1050277.JPG
P1050279.JPG
P1050281.JPG
P1050282.JPG
P1050283.JPG
P1050284.JPG

Ecco finalmente finito uno dei miei innumerevoli progetti della mia lista dei Future crafty projects, una romantica borsina di tela grezza impreziosita da un centrino, da qualche fiorellino (opera della mia mamma) e da un frammento di pizzo.

Questo è il tutorial originale a cui mi sono ispirata, le figure sono molto utili anche se per la confezione non ho seguito le istruzioni (che mi sembravano sbagliate, o forse era solo che era sera tardi ed ero stanca…) ma ho fatto a modo mio.

Misure della borsa finita: cm 33 x 38.
MATERIALI:
Un rettangolo di tessuto per l’esterno della borsa di circa cm 90 (larghezza) x 70 (lunghezza) – io ho usato una tela avorio
Un rettangolo di tessuto per la fodera di cm 75 x 50 – io ho usato del taffetà avorio
1 Centrino e/o altre decorazioni a piacere
1 Nastrino o fettuccia di cm 10 di lunghezza (la mia era 1,5 cm di larghezza)
1 bottone
Cordonetto di seta da impunture (opzionale)
Filo in tono

P1050253.JPG

ISTRUZIONI:
Tagliare 4 rettangoli di cm 45 (lunghezza) x 35 (larghezza), 2 per l’esterno e 2 per la fodera della borsa.
Tagliare due rettangoli di cm 86 (lunghezza) x 10 (larghezza) per il manico (ed eventualmente anche uno strato di imbottitura leggera).

P1050254.JPG

Applicare il centrino e le altre decorazioni a mano fissandoli con dei piccoli punti nascosti.

P1050258.JPG

Unire le fasce del manico, rovescio contro rovescio, (eventualmente doppiarle con l’imbottitura leggera) e fare delle impunture (volendo con un cordonetto di seta da impunture) parallele nel senso della lunghezza spaziandole di 1 cm (o quanto vi piace). Lasciare i margini a vivo o rifinirli con la forbice a zigzag.

P1050275.JPG

Cucire i due rettangoli dell’esterno borsa dritto contro dritto lungo i tre lati (esclusa apertura) a 1 cm. Fare lo stesso con la fodera. Rigirare sul dritto e stirare i margini aperti.

P1050276.JPG

Creare la stondatura degli angoli della borsa (sia all’esterno che alla fodera) appiattendo gli angoli inferiori fino ad una larghezza di 7 cm. Cucire l’angolo per traverso, piegarlo verso l’alto e fissarlo a mano.

P1050277.JPG

Piegare separatamente l’esterno e la fodera di 5 cm verso il rovescio. Infilare la fodera dentro l’esterno borsa, rovescio contro rovescio, (i margini ripiegati sono ora entrambi compresi tra i due strati) e appuntare i due strati tutt’intorno.

P1050279.JPG

Se, come è successo a me, la fodera risulta leggermente più abbondante dell’esterno e fa delle piegoline in eccesso (per differenze di elasticità del tessuto) cucire rientrando di qualche millimetro per parte all’altezza della ripiegatura del bordo superiore della fodera. 

P1050281.JPG

Cucire ora l’esterno alla fodera tutt’intorno all’apertura a pochi millimetri dal bordo.

P1050282.JPG

Applicare (cucendo un rettangolo con una croce in mezzo) i manici ai due lati opposti della borsa posizionandoli a 7 cm dal bordo superiore e centrati rispetto alle cuciture laterali.

P1050256.JPG

Fare l’asola sulla fettuccia a seconda del diametro del bottone e cucirli ai lati rispettivi della borsa centrandoli rispetto all’apertura.

P1050283.JPG

E questo è il mio risultato.

P1050284.JPG

 

Playgroup of two

P1050178.JPG
P1050180.JPG
P1050183.JPG
P1050184.JPG
P1050185.JPG
P1050188.JPG
P1050189.JPG
P1050191.JPG
P1050193.JPG
P1050195.JPG
P1050196.JPG
P1050197.JPG
P1050198.JPG
P1050200.JPG
P1050202.JPG
P1050203.JPG

 

E chi l’avrebbe mai detto che sovvertire le leggi dell’architettura di igloo fosse così divertente?

P1050178.JPG

Complice Zoe, la bimba di un’amica francese, che è venuta a giocare con Orlando lo scorso venerdì pomeriggio.

P1050198.JPG

Il tutto poi si è trasformato in una scuola da campo dove Zoe dava lezioni di “farming” a Orlando.

P1050183.JPG

P1050191.JPG

Dalla faccia della maestra … non so con quali risultati (?)

P1050195.JPG

E poi tutta questa “scienza” è faticosa…

P1050203.JPG

Scherzi a parte, grazie ad Agnes ed a Zoe per esser venute a giocare e a divertirsi con noi, alla prossima!

 

Fuori fase…

P1050285.JPG

 

Giornata ancora strana oggi con residui di febbre e momenti di ilarità scatenata misti ancora a lagnette sparse. Orli ha dormito un po’ dopo pranzo ma si è svegliato poco dopo e non ha più dormito. Adesso alle sei (pm!) si è riaddormentato, sicuramente NON per la notte…e adesso quando si sveglia? E quanto ancora mi terrà sveglia prima di riaddormentarsi stavolta fino a domattina? Proprio oggi che sono cotta e ho un sonno che andrei già a dormire ora!

Silvia keep cool che tanto non cambia niente e ricordati go with the flow and just BE!

P1050285.JPG